IL PARTITO A NAPOLI, SULLA SCIA DI GIORGIA MELONI…”FAR COINCIDERE LA PREDICA CON LA PRATICA”

                                                                         NAPOLI : 17 GIUGNO 2019 ( HOTEL RAMADA ) – INCONTRO SEMINARIO  E IL DOCUMENTO “SOCIALITA’ E UNIONISMO NELLA DESTRA DI GOVERNO”
L’evento del 17 u.s., una affollatissima riunione promossa dall’onorevole Edmondo Cirielli e dal sen, Iannone, merita qualche nostra riflessione. Una partecipazione che ha registrato la convinta adesione dei molti che si ritengono parte viva e militante del partito di “Fratelli d’Italia”, senza se o ma, a Napoli e in Campania. Lo merita, per l’occasione , il documento presentato dal coordinatore territoriale della Quinta Municipalità di Napoli, il portavoce Ciro Manzo, sintesi di quanto in elaborazione condivisa dal presidente del Circolo Territoriale di Arenella – Vomero, F.Massimo Vuono, unitamente alla base degli iscritti. C’è da osservare che vi sono almeno tre correlati precedenti da sottolinearsi: il 21 dicembre 2016, sempre presso l’Hotel Ramada, la conferenza stampa di Giorgia Meloni,  alla presenza dei tantissimi convenuti.  soddisfatta per le tante  adesioni al Partito, intervenute  nella capitale del Mezzogiorno, tra le quali Pasquale Viespoli, Presidente di Mezzogiorno Nazionale, dell’ex Consigliere regionale della Campania Pietro Diodato e Andrea Santoro Consigliere Comunale di Napoli ( fu detto che  “I presupposti per ricostruire un partito forte ed identitario di centro-destra ci sono tutti. Ora  è  tempo di rimboccarsi le maniche e mettersi a  disposizione di Giorgia Meloni”); mettiamo pure in parentesi il caso dell’on.le Marcello Taglialatela e del consigliere regionale  Luciano Passariello che poi “vanno fuori”; a distanza di due anni  Giorgia Meloni nomina Andrea Santoro nuovo portavoce di Fratelli d’Italia a Napoli, è lo stesso che ne spiega le ragioni ” Occorre strutturare Fratelli d’Italia per farsi trovare pronti ai prossimi appuntamenti elettorali e costruire fin da subito una rinnovata coalizione in grado di presentarsi come alternativa di governo sia in regione che in città”; ( Mercoledì 7 Novembre 2018 ); per la convention al Lingotto di Torino ( 13 – 14 aprile 2019 ) Giorgia Meloni non si limita a convocare i dirigenti ad ogni livello, gli  eletti in parlamento e i diversi designati ma coinvolge l’intera base nella scelta di delegati da eleggersi allo scopo.
Tanto premesso, che il documento solleciti tutto quel che può e deve essere realizzato, è pacifico che s’ispiri a coerenza e correttezza ed è oggettivamente una risposta piu’ che propositiva ad evitare il « Quousque tandem abutere , “status quo” , patentia nostra ? >>  ( « Fino a quando dunque, nella e per la situazione precedente  , abuserai della nostra pazienza? ». ).  Riportiamo fedelmente quanto contenuto nel precitato documento, unitamente a quanto tratto dalla rete e sostenuto da Arturo Stenio Vuono, decano di “Fratelli d’Italia” Arenella . Vomero ( 4 Giugno 2019 ). basta rileggerli e si comprenderanno di certo le ragioni che hanno visto Ciro Manzo, nel corso del suo intervento,  fermo restando i riferimenti, a livello nazionale e in Campania, nelle persone dei due parlamentari presenti,  a chiedere per acclamazione la leadership  per la d.ssa Carmela  Rescigno a valere Napoli e Provincia. La risoluzione logica, totalmente condivisa dai convenuti, di certo non improvvisata ma entrando  subito nel vivo del problema  senza ulteriore  preambolo. Tutt’altro, con buona pace degli attendisti, che ex abrupto ovverosia in un contesto forse, per loro, inaspettato della situazione. Quanto alla Collina, dopo il risultato delle elezioni europee, oggettivamente “mettersi in sonno” non esiste, anzi l’impegno per il prosieguo deve essere pubblicamente garantito e da subito per interrompere una mancanza di alternativa alla sinistra che dura dal 1997. Rivendicare la presidenza della Municipalità, contando sulla struttura e la disponibilità dell’attuale coordinatore territoriale, può e deve essere incluso nella programmazione di partito. Il tutto non rappresenta una delegittimazione di alcuno ma rappresenta l’istanza per un modello di partito in cui gli incarichi devono discendere esclusivamente dalle determinazioni della base e sempre di carattere elettivo. 
 
Riportiamo fedelmente quanto contenuto nel documento, a firma Ciro Manzo, e  quanto sostenuto, in rete, per analisi e commento post europee   da Arturo Stenio Vuono.
 
1 – [ Ciro Manzo – 17 Giugno 2019 – Nota integrativa al documento politico finale redatto a termine dell’incontro/seminario indetto per il giorno 17.06.2019 sul tema : socialità e unionismo nella destra di Governo ]
Carissimi
Ia presente nota è stata redatta e sottoscritta dai quadri dirigenti ed iscritti della Sezione territoriale Arenella/Vomero del Comune di Napoli che hanno sostenuto Carmela Rescigno nelle recenti elezioni europee contribuendo a raggiungere il risultato delle 14.000 preferenze di cui 2200 a Napoli città con una percentuale complessiva per il partito pari al 4,42% a Napoli ed il 5,27% in
provincia.
In particolare modo la 5^ Municipalità ha raccolto un dato elettorale soddisfacente. Infatti, è risultata essere la prima municipalità, sia come voti di lista 2537, sia come voti di preferenza ai nostri candidati (Rescigno) e (Tozzi). Ha superato abbondantemente la soglia del 4% raggiungendo il 5,68% Risultato questo nettamente migliore e mai raggiunto da FDI in questo  territorio dove basta pensare che solo un anno fa alle elezioni politiche solo nel collegio Campania1/03 dove era candidata Carmela Rescigno ha superato la percentuale del 3% Pertanto i componenti tutti di questa sezione chiedono di continuare nel lavoro iniziato con Carmela Rescigno per consentire di strutturare ancora meglio e  sostenere con più forza il partito nella intera città di Napoli ed in tutti i comuni della provincia. Il prossimo obiettivo elettorale certamente ambizioso ma alla nostra portata sarà quello di raggiungere la percentuale del 10% alle prossime regionali del 2020 .
Siamo certi che continuando a lavorare cosi in Campania ma soprattutto a Napoli e provincia così come nell’ultimo anno, avendo come leadership indiscussa Carmela Rescigno, per la città di Napoli e provincia, nonché a livello nazionale i
Parlamentari Campani, Onorevole Cirielli ed il Senatore Iannone FDI al Prossimo governo della Regione Campania ( Napoli terza città d’Italia ) giocherà un ruolo fondamentale nella politica regionale campana. A tal riguardo, al fine di rafforzare il partito a Napoli e provincia si richiama ad un ulteriore sforzo d’intendi nel cercare quella necessaria unità tra le varie componenti culturali e di aprirsi sempre di più alla c.d. società civile al fine di organizzare quel giusto unionismo per creare una vera destra di governo.
Questo processo di rinnovamento e di apertura dovrà necessariamente passare per un confronto congressuale non più procrastinabile perché urgente.  A tal riguardo chiediamo l’apertura della stagione congressuale al fine di ottenere cariche dirigenziali elettive e non più designate. Ovviamente questo processo di rinnovamento presuppone in primo luogo la totale disponibilità degli attuali quadri dirigenti e quelli di livello superiore di partito, onde consentire una completa e più aggiornata integrazione di tutte le energie già presenti e quelle che provvidenzialmente si sono affacciate e sviluppate nell’ultima consultazione elettorale.
 

2 – [ Arturo Stenio Vuono – 4 Giugno 2019 ]  ” Dopo l’iniziativa della d.ssa Carmela Rescigno, con la conferenza stampa del 31 scorso mese – che ha offerto interessanti spunti ai fini di consolidare l’espansione di “Fratelli d’Italia” – ( vedi : oltre) – , qualche riflessione.La prospettiva delle “regionali” – per il 2020 – è possibile che si accompagni ad anticipate consultazioni elettorali per il comune di Napoli e per le dieci municipalità.Ipotesi non peregrina, da non scartarsi, ad inizio dell’autunno si saprà, e in ogni caso da attrezzarsi con urgenza.La riorganizzazione del partito cittadino è una priorità che non è rinviabile.A Napoli F.d.I. ha registrato il 4,42% ( discostandosi dal 5,27% Napoli Metropolitana, 5,82 Campania, e a parte lontano dal dato nazionale e dell’Italia Meridionale ).Se si guarda ai voti raccolti nelle dieci municipalità, per l’attuale, solo la Quinta ( Arenella – Vomero ) , la Nona ( Soccavo – Pianura ) e la Prima ( Posillipo – Chiaia – S. Ferdinando ) hanno significato che era possibile allinearsi al dato nazionale se non vi fosse stata l’astensione registrata.Le altre sette municipalità segnano dati, purtroppo, deficitari oppure di poco oltre lo sbarramento. Dal minimo 2,7% della Settima ( Miano – Secondigliano – S.Pietro a Patierno ) al massimo 4,42% della Seconda ( Avvocata – Montecalvario – Mercato – Porto ) e della Sesta ( Ponticelli – Barra – S. Giovanni a Teduccio ). Tanto premesso è pacifico che i competenti organi del partito, senza ulteriore indugio, pongano mano a misure di linea politica e di organizzazione strutturale. che puntino ad omogeneizzare il quadro cittadino e per porre le basi d’una crescita necessaria a competere. Intanto è più che opportuno pensare alla convocazione d’una conferenza cittadina per lanciare un programma politico – amministrativo e per la riforma del decentramento.E, altresì, più che opportuno costituire una federazione cittadina e potenziare l’organigramma dirigenziale intermedio con coordinatori di municipalità che diano vita ai circoli – a direzione unica territoriale – e, se del caso, ad altri “ambientali” che ne dipendano e che non siano mai  “ad personam” ( solo funzionali alla persona ).In mancanza vietando l’uso del simbolo di partito.”
[ NAPOLI ] – Fratelli d’Italia – Rescigno: “Rivendichiamo presidenza della Campania” (…) Di Ciro Cuozzo
31 Maggio 2019 [ tratto dal web ]
E’ stata la candidata donna che ha preso più voti dopo la leader Giorgia Meloni, la quarta dell’intero partito. Oltre 43mila preferenze non sono però bastate a Carmela Rescigno per entrare nel parlamento europeo in quota Fratelli d’Italia. Dei cinque seggi momentanei (uno è in stand-by in vista della Brexit), ne è scattato solo uno nella circoscrizione Sud dove erano candidati anche Raffaele Fitto e Denis Nesci. – I numeri ( … )  parlano chiaro  ( … ).- “E’ il frutto di un lavoro di squadra, ma soprattutto del sostegno determinante del leader campano di Fdi Edmondo Cirielli. Sostegno che si è visto non solo a Napoli e Salerno ma anche nelle altre regioni come la Calabria. Un risultato che ci consente di guardare con fiducia ai prossimi appuntamenti elettorali. A cominciare dalle elezioni regionali nel 2020 dove dobbiamo riportare il centrodestra a governare“. Queste le parole di Carmela Rescigno durante la conferenza stampa tenuta in città ( … ).- Fratelli d’Italia oggi “può sedersi con pari dignità al tavolo con le altre forze politiche alleate”. Dopo il boom della Lega in Campania (quasi il 20%) e la continua discesa di Forza Italia (13,6%), Fdi può rivendicare, anche grazie ad accordi nazionali con le forze di centrodestra, “la presidenza della Regione Campania”annuncia Carmela Rescigno.( … ) “ perché “in Campania – chiosa Rescigno – c’è una prateria a destra”. ( … ) [ stralci dalla conferenza stampa  ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *